ASSOCIAZIONE ORAFA LOMBARDA C.F. 80035730151
Copyright © 2005 / 2016 Associazione Orafa Lombarda

LA VIDEOSORVEGLIANZA IN PRESENZA DI LAVORATORI - AUTORIZZAZIONI

10/10/2016

 

Come più volte abbiamo avuto modo di ribadire, l’installazione di impianti di video sorveglianza, in ambienti in cui operano lavoratori dipendenti, è soggetta all’autorizzazione delle Direzioni Provinciali del Lavoro.  

Il Ministero del Lavoro, con nota n. 7162 del 16 aprile 2012 CLICCA QUI, vista la crescente necessità per alcune attività economiche (quali ad esempio oreficerie, farmacie, edicole, distributori di carburante, ecc.) divenute a forte rischio di rapina a causa delle consistenti giacenze di denaro, di installare telecamere con il fine deterrente al verificarsi degli atti criminosi e per assicurare le fonti di prova nei giudizi relativi a eventuali condotte penalmente rilevanti, aveva comunicato alle Direzioni Provinciali del Lavoro che “la procedura di installazione degli impianti di videosorveglianza potrà essere autorizzata senza il preventivo accertamento tecnico da parte degli organi di vigilanza”.

 

Fino a quel momento la procedura di istallazione richiedeva che personale del Servizio Ispettivo della Direzione Provinciale del Lavoro, prima di procedere al rilascio dell’autorizzazione procedesse ad un sopralluogo per un accertamento tecnico dello stato dei luoghi (planimetria dei locali, numero impianti da installare, ecc.), ma il Ministero ha ritenuto che in certe ipotesi questo sopralluogo è sostanzialmente ininfluente ai fini del rilascio dell’autorizzazione.

 

Pertanto, da quel momento le Direzioni Provinciali del Lavoro per autorizzare l’installazione delle telecamere in questi luoghi di lavoro dovevano far riferimento esclusivamente alle specifiche dell’impianto (caratteristiche tecniche, planimetria dei locali, numero e posizione delle telecamere, ecc.) risultanti dalla documentazione prodotta dal datore di lavoro a corredo della domanda di autorizzazione che deve comunque essere presentata e che diventa, per i profili tecnici, parte integrante del provvedimento autorizzativo.

 

Resta il fatto che l’autorizzazione della Direzione Territoriale Lavoro va comunque richiesta. CLICCA QUI per la modulistica che, a breve, potrebbe essere ulteriormente modificata.

 

Lo scorso giugno, il Ministero ha ripreso l’argomento per chiarire alcuni aspetti riguardanti l’installazione della videosorveglianza senza l’autorizzazione rilasciata dalla Direzione Territoriale del Lavoro e/o il mancato accordo  con le rappresentanze sindacali dei lavoratori. CLICCA QUI

 

A proposito del mancato accordo con le rappresentanze sindacali, segnaliamo una interessante sentenza della Cassazione a favore e riguardante il caso di un’azienda che aveva acquisito il consenso della totalità dei prestatori di lavoro, espresso per iscritto mediante sottoscrizione di ognuno. CLICCA QUI

 

Riteniamo opportuno mettere a disposizione una traccia di autorizzazione da far sottoscrivere ai lavoratori prima dell’installazione della videosorveglianza o nell’ipotesi di nuove assunzioni nell’ipotesi di mancato accordo con le rappresentanze sindacali dei lavoratori. CLICCA QUI

 

RIBADIAMO la richiesta di autorizzazione alla Direzione Territoriale, va comunque presentata.

Please reload

Post recenti

October 21, 2019

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square